Rifugio Omio – Valle dell’Oro – 03/04/2015

Probabilmente l’ultima escursione “invernale” prima di passare in modalità “estiva”. Questa volta si va nella Valle dell’Oro, al rifugio Omio a 2100m.

La valle dell’Oro è una valle laterale della Val Masino e condivide con essa molte stupende pareti di roccia, paradiso dell’arrampicata.

La traccia di sentiero parte dai Bagni del Masino, il parcheggio è quello delle terme e durante la bella stagione rischia di essere completamente pieno, inoltre, semre nella bella stagione è a pagamento (5€). Non è del tutto chiaro se l’ultimo tratto di strada per arrivare al parcheggio sia aperto alla circolazione oppure no, poco prima del parcheggio si incontra infatti una sbarra e un cartello di divieto di transito. Arrivati al parcheggio chiediamo rassicurazioni e ci dicono che la strada è aperta alla circolazione.

Il sentiero parte subito dietro alle terme e si immette rapidamente in bosco piuttosto fitto, che ci accompagnerà salvo un paio di spiazzi per circa 1 ora e mezza. Nelle poche radure il paesaggio che si apre al nostro sguardo è davvero notevole.

Una volta usciti definitivamente dal bosco, calziamo le ciaspole e affrontiamo l’ultimo ripido tratto che ci porta in circa 1 ora al rifugio Omio.

Dietro al rifugio è presente il bivacco Silvio Saglio ancora semi sommerso da parecchia neve.

Il rifugio è chiuso, quindi ci concediamo un pranzo al sacco nel piccolo porticato all’ingresso e ci rimettiamo in cammino per la discesa.

Nel bosco si iniziano a vedere i primi segni della primavera ormai imminente.

Per tutto il giro, pranzo compreso ci sono volute poco meno di 6 ore.

Su GPSies ho caricato il tracciato GPS dell’escursione. Clicca sull’immagine per visualizzarlo (purtroppo si è interrotta la registrazione durante la discesa, comunque si è seguita esattamente la stessa strada dell’andata)

GPSies - Rifugio Omio nella valle dell'Oro

Annunci

Le dolomiti di Bergamo: Cimon della Bagozza – Monte Campioncino – 06/03/2015

Nuova ciaspolata del 2015, questa volta si va in bergamasca, alla fine della val di Scalve, verso il rifugio “Gruppo alpinistico Cimon della Bagozza” a Schilpario.

Partenza alle 7.30 da casa, troviamo un po’ di traffico non considerato e arriviamo solo alle 10.30 al parcheggio in località Fondi (Schilpario). Qui la strada durante la stagione fredda viene chiusa al traffico veicolare, quindi calziamo le ciaspole e partiamo.

La prima parte dell’itinerario avviene seguendo il percorso della strada e tagliando ogni tanto qualche tornante attraverso i prati che ogni tanto si aprono in mezzo ad un bel bosco di conifere.

In circa un’ora giungiamo al rifugio(aperto tutto l’anno) a quota 1600m e decidiamo di proseguire verso il monte Campioncino (2100m).

Il panorama dal rifugio è davvero mozzafiato, ora capisco perchè le chiamano “piccole dolomiti di Bergamo”…

Proseguiamo seguendo il sentiero che riparte subito dopo il rifugio, ora il bosco diventa più rado e la neve abbonda, in lontananza vediamo già la nostra metà: il monte Campioncino e a sinistra il suo fratello maggiore, il monte Campione.

Seguiamo le ampie tracce degli sciatori che ci hanno preceduto durante queste belle giornate di sole, e puntiamo dritti verso la cresta e la vetta.

Attenzione: seguite le tracce più numerose (e più a valle) altrimenti farete degli inutili saliscendi (cosa che noi abbiamo fatto).

Giunti sotto la cresta decidiamo di puntare dritti davanti a noi, anzichè seguire le tracce che curvano a destra. è un tratto di circa 100/150m che spacca letteralmente le gambe ed il fiato, ma permette di raggiungere in poco più di 5 minuti la cresta sommitale.

Nell’ultimo tratto la cresta diventa sempre più sottile e panoramica, e permette di raggiungere la vetta in meno di 10 minuti.

Tratto finale di cresta
Finalmente in vetta, davanti a noi il monte Campione
Croce di vetta e Cimon della Bagozza

Ora non ci resta che scendere e tornare al rifugio per un ottimo pranzo!

Scendendo al rifugio

Per tutto il giro, pranzo compreso ci sono volute 4 ore e 52 minuti.

Su GPSies ho caricato il tracciato GPS dell’escursione. Clicca sull’immagine per visualizzarlo

GPSies - Rifugio Cimon della Bagozza e Monte Campioncino