Non sai come provare Linux?

Forse non tutti (soprattutto gli utenti windows) sanno che Linux può essere provato in almeno 4 modi differenti, vediamoli in dettaglio:

  • Installazione standard su hard disk: in questo caso si procede con una installazione tradizionale di Linux (proprio come windows) sul proprio hard disk, facendo quindi delle partizioni dedicate per il pinguino.
    • pro:
      1. prestazioni
      2. utilizzo ottimale dell’hardware (naturalmente se compatibile)
      3. facilità di gestione/personalizzazione/aggiornamento
    • contro:
      1. partizionamento dell’hard disk
      2. spazio occupato
      3. rischio più consistente di far danni
  • Utilizzo di una distro Live: in questo caso, utilizzando distribuzioni apposite di linux potrete utilizzare linux avviandolo direttamente dal lettore cd/dvd, senza installare nulla sul vostro hard disk.
    • pro:
      1. non viene intaccato l’hard disk
      2. non necessita di installazione
    • contro:
      1. prestazioni
      2. “statica” (essendo su un supporto read-only), sono possibili piccole personalizzazioni non persistenti (al riavvio vengono perse)
  • Installazione su una chiavetta usb: questa è una delle alternative più sottovalutate (da me per primo), infatti poter avere sempre a portata di mano un’installazione di linux perfettamente funzionante può essere molto vantaggioso. Ci sono alcune distribuzioni (per es: Damn Small Linux) che sono ottimizzate proprio per questo scopo.
    • pro:
      1. veramente “portatile”
      2. è una vera e propria installazione (le chiavette usb sono scrivibili a differenza dei cd/dvd)
      3. non viene intaccato l’hard disk
    • contro:
      1. non tutti i computer permettono il boot (l’avvio) da usb e quindi può essere necessario avviare da cd
      2. prestazioni (dopo tutto funziona da una porta usb)
  • Virtualizzazione: questa opzione è possibile grazie all’uso di software specifici per creare macchine virtuali (VMware, VirtualBox, etc. etc.)
    • pro:
      1. si evita dover partizionare l’hard disk
      2. prestazioni paragonabili ad una installazione standard
      3. non è necessario riavviare per passare da un sistema operativo all’altro (si avvia direttamente dentro al sistema operativo principale)
    • contro:
      1. serve un computer abbastanza potente (sopratutto con molta RAM)
      2. non si utilizza l’hardware vero ma si utilizza un hardware simulato (si perdono le vere capacità del proprio hardware)

Con questa carrellata di possibili modi per utilizzare linux non pretendo di aver toccato tutti gli aspetti che contraddistinguono queste 4 situazioni, però spero di aver chiarito almeno un po’ le idee.

EOF

Un pensiero su “Non sai come provare Linux?”

  1. ottimo😛
    aggiungerei che stanno prendendo piede anke installazioni come wubi che permettono di installare linux (in questo caso ubuntu) da windows senza partizionare il disco ma facendo delle semplici immagini..
    come pro hanno di non partizionare il disco e la facilità di installazione,
    come contro le prestazioni.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...