pianificare le operazioni in Linux – 1/3

In questa serie di 3 articoli vedremo come è possibile pianificare determinate operazioni per far sì che vengano eseguite ad orari ben precisi, oppure in modo che vengano eseguite solo se il sistema non è troppo caricato, o ancora in modo che vengano ripetute con una cadenza ben precisa (giornalmente, settimanalmente,…).

Per tutte queste operazioni il nostro pinguino ci mette a disposizione 3 potentissimi comandi: at, batch e cron.

At: lo voglio a quest’ora!

Grazie ad at è possibile eseguire qualsiasi operazione (o insieme di operazioni) ad una ben precisa ora, per esempio se volessimo ricompilare il kernel alle 3:00 di notte ci basterebbe aprire un terminale e scrivere:

user@linux~$ at 3:00

at> cd /usr/src/linux

at> make bzImage

at> <EOT>

come si può vedere la sintassi è molto semplice: si richiama at seguito dal momento in cui volete eseguire le operazioni, quindi premete Invio e vi apparirà la scritta at>, a questo punto scrivete le operazioni da compiere (una per riga) e quando avete finito, nell’ultima riga (con un nuovo at>), premete contemporaneamente Ctrl+D (comparirà <EOT>).

Per indicare il tempo di esecuzione ci sono varie opzioni:

  • indicare l’ora nel formato hh:mm
  • indicare now+XX minutes|hours|weeks dove XX indica il ritardo rispetto all’ora corrente e minutes|hours|weeks (una sola di queste va utilizzata) indica come considerare il ritardo indicato da XX

una volta terminato di impostare le nostre operazioni, possiamo ricontrollare la nostra pianificazione con atq:

user@linux~$ atq

12 2007-11-08 03:00 a user

il primo numero indica il numero del job (l’operazione), il secondo la data in cui verrà eseguita, la lettera ‘a’ indica la priorità (‘a’ indica priorità normale) ed infine ‘user’ indica il nome dell’utente sotto cui verrà eseguita l’operazione.

Se per caso vi accorgete di aver sbagliato qualcosa potete sempre utilizzare atrm, per cancellare una operazione pendente:

uesr@linux~$ atrm 12

in questo modo avete eliminato l’operazione numero 12.

La prossima volta vedremo come funziona e a cosa serve il comando batch.

7 pensieri su “pianificare le operazioni in Linux – 1/3”

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...