Anello dei rifugi Forni – Branca – Pizzini – 18/08/2014

La pazza estate che ha caratterizzato questo 2014 mi ha costretto a ridurre il numero di escursioni, tuttavia le poche che ho fatto sono state tutte belle ed impegnative.

L’anello dei rifugi Forni – Branca e Pizzini è un classico dell’alta Valfurva che offre innumerevoli varianti lungo il percorso.

I sentieri che ho scelto sono probabilmente i più panoramici (e i più lunghi):

- Sentiero Glaciologico alto e ponti tibetani (Forni – Branca)

- Sentiero alto tra Branca e Pizzini (non ne conosco il nome)

- Sentiero panoramico (sentiero alto) tra Pizzini e Forni.

Per un totale di quasi 7 ore di cammino (breve pausa pranzo inclusa)

Si parte dal parcheggio gratuito sotto l’albergo Rifugio Forni a 2140m e si seguono le indicazione per il Rifugio Branca e il sentiero Glaciologico, attraversando il torrente Cedec grazie ad un comodo ponticello.

Subito i sentieri si dividono, da una parte il Glaciologico basso che porta rapidamente al Rifugio Branca e dall’altra il Glaciologico alto che compie un giro più lungo e panoramico. Prendiamo il secondo.

Arrivati a quota 2500m si incontrano i ruderi di alcuni baraccamenti militari della Grande Guerra.

superati questi ruderi si inizia a vedere la grandiosità del Ghiacciaio dei Forni, il più grande ghiacciaio vallivo italiano.

ora il sentiero scende leggermente fino a portarci sul ghiaione sottostante il ghiacciaio. Da qui in un paio di minuti ci si può portare fino alla bocca del ghicciaio, ovvero la parte terminale del ghiacciaio, da cui esce un torrente dovuto al disgelo.

Tornando al sentiero ci ritroviamo ad dover attraversare due divertenti ponti tibetani che ci permettono di guadare le acque provenienti dal ghiacciaio

Ora il sentiero ridiscende verso il Rifugio Branca, passando da due bei laghetti glaciali (il più grande e vicino al rifugio è il Lago delle Rosole) e da una stretta e affascinante gola.

Eccoci finalmente al rifugio Branca.

Il primo terzo dell’anello è terminato.

Dal Rifugio Branca parte un sentiero poco battuto ma molto bello che porta al Rifuio Pizzini restando sempre sopra i 2500m, ben lontano dal traffico delle Jeep che passano a bassa quota sulla strada sterrata dall’altra parte del torrente Cedec.

Per buona parte di questo sentiero la vista non riesce a spaziare molto poiché si è chiusi all’interno di una conca, ma dopo circa 50′ minuti finalmente si intravede in lontananza il Rifugio Pizzini e dopo pochi minuti finalmente lo si raggiunge.

Dal rifugio si può godere di una grandiosa vista sul Monte Pasquale

e (meteo permettendo) sul Gran Zebrù (Konigspitze, la vetta del re)

purtroppo per la seconda volta questa capricciosa cima non ha voluto mostrarsi…

Al Rifugio Pizzini termina la seconda parte dell’anello.

La parte finale dell’anello che ci riporterà al parcheggio può essere percorsa lungo la strada sterrata bassa, ma consiglio vivamente di utilizzare il sentiero alto, molto panoramico, percorribile solo a piedi o in MTB e decisamente meno trafficato.

I panorami che si possono apprezzare da questo sentiero sono tra i più belli della valfurva.

Lungo questo sentiero si trovano altri ruderi della Grande Guerra che in queste zone di confine è stata molto combattuta.

Dati dell’escursione:

Quota minima: 2140m

Quota massima: 2716m

Dislivello totale in salita: 834m

Tempo di percorrenza: 6.47 ore

Tempo di salita: 2.57 ore

Tempo di discesa: 2.25 ore

 

 

 

Grigna Settentrionale

Grigna Settentrionale – Cresta di Piancaformia – 29/08/2014

La prima volta sulla Grigna Settentrionale è stato un disastro, in vetta eravamo avvolti dalla nebbia con visibilità zero. Quest’anno spero che vada meglio…

Partenza da casa alle 4.45, arrivo al parcheggio del Vo’ di Moncodeno (NB: a pagamento tramite gratta e sosta) alle 6.20. Il tempo sembra pessimo: cielo nuvoloso e umidità molto elevata, il sole deve ancora sorgere.

Alle 6.26 iniziamo a camminare seguendo le indicazioni per il sentiero 25 (la via della Ganda), dopo mezz’ora arriviamo ad un bivio e seguiamo per una ripida salita le indicazioni per il sentiero 19 (Cresta di Piancaformia).

Dopo pochi minuti giungiamo al bivacco/cappella dell’89ma Brigata Garibaldi (Bocchetta di Prada, 1626m). Ora ci ritroviamo in mezzo alla nebbia, tanto che non si vede minimamente la famosa Porta di Prada.

Continuiamo a salire a mezza costa con alcuni passaggi su roccia un po’ esposti e arriviamo alla Bocchetta di Piancaformia (1802m). Siamo ancora nella nebbia, ma il cielo sembra più chiaro, speriamo in bene…

Ignoriamo le deviazioni per i rifugi Bogani a sinistra e Bietti a destra e iniziamo la vera e propria salita in cresta.

Ora finalmente foriamo lo strato di nuvole e possiamo ammirare il cielo sereno ed il sole!

Sopra le nuvole
Salendo in cresta

Continuiamo a salire sempre in cresta, superando diversi passaggi su roccia un po’ esposti ma mai troppo complicati.

Un mare di nuvole

Prima dell’ultimo tratto di cresta, il sentiero si ricongiunge a mezza costa con la via della Ganda, fino a giungere al tratto finale attrezzato con un paio di lunghe catene.

In questo tratto non è ben chiaro se sia meglio salire con l’ausilio delle catene, su un fondo abbastanza liscio e spesso umido oppure se sia meglio salire sulle rocce poste più a destra, meno umide e più ricche di appoggi ed appigli per mai e piedi. Comunque in pochi minuti si è in cima, accolti dal rifugio Brioschi.

Cappella e rifugio Brioschi

Girando attorno al rifugio si arriva alla vetta vera e propria, sormontata dalla classica croce di vetta.

Croce di vetta

La vista è stupenda anche con tutte queste nuvole

La Grignetta emerge dalle nuvole

Per la discesa normalmente si opta per la via della Ganda. Anch’io ero intenzionato a seguirla, ma arrivati ad un cartello metallico con le indicazioni per il rifugio Bogani, vedo un sentiero poco più in basso e decido di seguirlo (pensando che si ricongiunga più avanti alla via della Ganda).

Questo sentiero, che una volta giunto al Bogani scoprirò essere un pezzo della via del Nevaio, attraversa uno degli angoli più selvaggi e inospitali della Grigna, un profondo canalone ricco di inghiottitoi e più o meno vasti nevai che ci permette di scendere rapidamente di quota tra sfasciumi e brevi tratti su roccia.

Stando attenti a prendere sempre il sentiero di sinistra nei vari bivi che incontriamo giungiamo dopo circa 1 ora al rifugio Bogani (1816m).

Dal rifugio seguiamo le indicazioni per Esino Lario e in poco meno di un’ora raggiungiamo il parcheggio.

Dati dell’escursione
Partenza alle 6.26
Tempo totale: 5.12 ore
Dislivello in salita: 1082m
Quota max: 2410m
Quota min: 1430m
Tempo di salita: 2.35 ore (3 ore totali per arrivare in cima)
Tempo di discesa: 2.03 ore

Altre foto sul mio set Flickr.

Weekend al rifugio Dorigoni

Weekend al rifugio Dorigoni in val di Rabbi – 19-20/07/2014

Finalmente è arrivato il mio primo pernottamento in rifugio. Siamo in Trentino, precisamente il Val di Rabbi, al rifugio Silvio Dorigoni 2438m slm.

Primo Giorno (Somrabbi – Rifugio Dorigoni)

La camminata inizia al parcheggio posto alla fine della strada dell’abitato di Somrabbi (fraz. Piazzola). Da qui si può decidere se prendere la navetta che ci porta alla malga Stablasolo 1529m che ci permette di risparmiare circa 30 minuti di strada.

Iniziamo a camminare alle 12.44 sotto un sole implacabile. Sentiero numero 106.

La prima parte del sentiero avviene ai bordi di un bel bosco di conifere e ci fa guadagnare quota abbastanza velocemente grazie a diversi piccoli tornanti. Nella seconda parte si attraversa una vasta vallata, il Prà di Saent, in cui la pendenza è davvero minima e il sole picchia duro. All’ombra di radi pini ne approfittiamo per mangiare.

Prà di Saent

al termine di questa ampia conca inizia il tratto più ripido e impegnativo, costituito da tornanti molto stretti che ci fanno guadagnare velocemente quota fino alla località “Palina” (2100m). Qui alcune panchine ci permettono di ammirare lo stupendo paesaggio.

Località “Palina”

A questo punto manca circa mezz’ora al rifugio, ma la parte più faticosa è alle spalle.

Rifugio Dorigoni
Rifugio Dorigoni

Nei pressi del rifugio è presente un piccolo laghetto molto “fotogenico”.

Laghetto nei pressi del rifugio

Dati dell’escursione (primo giorno)

Partenza: 12.44

Tempo totale: 3.23h

Dislivello di salita: 884m

Dislivello di discesa: 22m

Quota massima: 2438m

Quota minima: 1532m

Tempo di salita: 2.34h

Tempo di discesa: 9minuti

Secondo giorno (Rifugio Dorigoni – Giogo Nero – Cima Collecchio – Rifugio Stella Alpina – Somrabbi)

Dopo la mia prima notte in rifugio, sveglia all’alba per un’intensa camminata.

Alba al rifugio Dorigoni

Si parte salendo prima a mezza costa e poi per ripidi tornanti verso il passo del “Giogo Nero” a 2833m slm.

Giogo Nero

Dal Giogo Nero si risale la bella e breve cresta che porterà in vetta alla Cima di Collecchio (2957m), per poi ridiscendere nell’altro versante tra laghi più o meno grandi e più o meno in fase di disgelo

Laghetto in fase di disgelo

fino a giungere al rifugio Stella Alpina di fianco al Lago Corvo (2437m). Da qui si scende nuovamente al paese di Somrabbi, prima per ripidi prati e poi per ricche foreste di conifere.

Dati dell’escursione (secondo giorno)

Partenza 7.15

Tempo per il rifugio Stella Alpina: 2.56h

Dislivello in salita: 526m

Dislivello in discesa: 516m

Quota max: 2957m

Quota min: 2413m

Tempo di salita: 1.42h

Tempo di discesa: 1h discesa

Dal rifugio Stella Alpina a Somrabbi sono altre 2 ore circa di cammino.

Altre foto nel mio set su Flickr.

Rifugio Chiavenna – 08/06/2014

Forse domenica 8 giugno è stata la domenica più calda di questo pazzo 2014. Comunque il tempo è bello quindi si va in montagna!

Meta odierna è il rifugio Chiavenna 2044m slm, ovviamente in val Chiavenna. L’escursione è davvero adatta a tutti, il sentiero è sempre facile e ben visibile e anche il dislivello è piuttosto contenuto (circa 600m).

Si parte da Campodolcino, in particolare località Fraciscio a circa 1400m. Il sentiero inizia direttamente dal parcheggio al termine della strada carrozzabile, pur essendo una giornata molto calda, le abbondanti nevicate invernali hanno disseminato il percorso di più o meno piccoli nevai, che non presentano alcuna difficoltà.

La parte iniziale e centrale del sentiero è costituita da piccole radure intervallate da radi boschi di conifere. A dispetto della bassa quota il panorama è davvero notevole.

 

Dopo aver costeggiato le rapide di un torrente, ci si ritrova in un anfiteatro naturale che terminerà proprio con il rifugio Chiavenna, che raggiungiamo dopo meno di 2 ore di cammino.

L’alpe Angeloga con alla sinistra il rifugio Chiavenna

Nella stessa conca che ospita il rifugio è presente il lago Angeloga, sovrastato dal pizzo Stella (3163m)

Lago Angeloga e pizzo Stella

Dietro al rifugio parte un ripido sentiero che in poco meno di un’ora permette di raggiungere il lago Nero (2351m), posto in cima alla parete che si nota dietro al rifugio.

Siamo a giugno e solo a 2300m, ciò nonostante troviamo il lago Nero ancora in buona parte congelato.

Lago Nero

Dal Lago Nero si gode di una buona vista sulla conca del rifugio

Pizzo Stella, lago Angeloga e rifugio Chiavenna

Altre foto sul mio set Flickr.

Monte Disgrazia

Rifugio Del Grande Camerini – 12/07/2014

Per la mia prima escursione in Valmalenco ho scelto il piccolo ma estremamente panoramico rifugio Del Grande Camerini, posto a 2580 metri slm nei pressi della Bocchetta Piattè, all’inizio della cresta est del Monte Vazzeda. Ottimo balcone da cui osservare la parete nord ed il ghiacciaio del Monte Disgrazia.

Partenza da casa alla 6.30, arrivo al parcheggio alle 9.00.

La partenza del sentiero avviene dal parcheggio posto subito dopo l’abitato di Chiareggio, vicino alla riva del torrente Mallero. Siamo a quota 1628m.

Si inizia a camminare alle 9.13, il rifugio è dato a 3.10 ore, il tempo è perfetto.

Torrente Mallero

La prima parte del sentiero si snoda all’interno di un bel bosco di conifere,  l’ultimo tratto del quale è stato parzialmente distrutto da una recente slavina.

Sentiero iniziale

usciti dal bosco si raggiunge l’alpe Vezzeda inferiore (1832m) e quindi superiore (2033m).

Alpe Vezzeda superiore

A questo punto il nostro sentiero devia a sinistra verso il Monte Disgrazia. Restiamo a mezza costa e superiamo diversi corsi d’acqua e qualche rediduo nevaio, fino a vedere chiaramente sopra di noi il rifugio. L’ultimo tratto è una breve e ripida salita tra rocce e roccette.

Siamo al rifugio dopo 2.27 ore di cammino a passo tranquillo (evidentemente l’indicazione di 3.10 ore si riferisce ad un passo molto tranquillo). Dal rifugio la vista verso il Monte Disgrazia è eccezionale.

Panorama dal rifugio
Monte Disgrazia
Rifugio Del Grande Camerini

Per il ritorno ci sono 2 alternative:

  • il sentiero dell’andata
  • il giro ad anello che ci porta in Val Sissone (più lungo ma molto panoramico)

Noi abbiamo optato per il sentiero “Diretto” che sconsigliamo vivamente perchè poco battuto e con indicazioni scarse/assenti, inoltre richiede il superamento di un canalone roccioso con rocce instabili e bagnate.

Dati dell’escursione:

Tempo di salita: 2.27ore

dislivello totale di salita: 967m

quota massima: 2580m

quota minima: 1628m

Altre foto nel mio set su flickr.

Moregallo

Moregallo da Valmadrera – 16/03/2014

A distanza di una settimana dalla mia ultima escursione invernale eccomi alle prese con la prima escursione estiva (viste le temperature odierne): da Valmadrera (fraz. Belvedere, 290m) alla cima del monte Moregallo (1276m) per il sentiero OSA 6 (E).

La macchina è possibile lasciarla in via S. Carlo Borromeo presso il piccolo parcheggio adiacente alla strada che si trova sulla sinistra pochi metri prima di un tornante. Da qui si imbocca a piedi la stradina sulla destra e dopo pochissimi metri si svolta a sinistra. Pochi metri dopo si trova l’inizio dell’escursione, segnalata da un grosso cartello con le indicazioni per diverse escursioni.

Il mio itinerario parte dritto e si immette in una strada con fondo di pietrisco, che dopo un paio di tornanti porta ad una piccola cappellina. Da qui si imbocca lo stretto sentiero sulla sinistra della cappella.

La prima parte del sentiero è caratterizzato da una alternanza tra falsi piani e rapidi aumenti di pendenza attraverso un bosco di caducifoglie. Il sentiero è ben marcato e il fondo è costituito principalmente da pietrisco. Ai lati si trovano dei muretti a secco.

Alle mie spalle, tra gli alberi, la pianura si sta svegliando.

Monte Barro avvolto dalla foschia mattutina

Dopo alcuni minuti di cammino si iniziano ad incontrare le tipiche “Casote” piccole casupole di pietra utilizzati come rifugi di fortuna e come depositi per i prodotti caseari. Quindi si arriva alla sorgente Sambrosera (716m) dove i sentieri si dividono: da un lato si può puntare a Pianezzo e al rifugio SEV, mentre dall’altra si sale verso il Moregallo.

A questo punto il sentiero si fa più ripido e impervio. Si iniziano a scorgere le prime pareti e guglie del Moregallo. Osservandole è facile capire perché molte persone lo chiamano “la piccola Grignetta”

Un mare di guglie

Dopo aver aggirato una parete ci si ritrova in pieno sole, con il Resegone sulla destra ancora al buio.

Resegone

Ora il sentiero diventa davvero spaccagambe. Si procede rapidamente a zig-zag tra roccette e sfasciumi, e si sale speditamente per un largo canalone, che via via si farà più stretto e terminerà alla Bocchetta Sambrosera (1192m). Da qui si possono finalmente ammirare le Grigne che stanno rapidamente perdendo il loro manto nevoso.

Grigne dalla Bocchetta Sambrosera

Per giungere alla vetta del Moregallo è ora possibile optare per un divertente sentiero di cresta (consigliato) oppure per un più tranquillo sentiero a mezza costa. In pochi minuti si arriva finalmente in vetta. Dove si vedono ancora poche tracce dell’ultima nevicata.

Dalla vetta (la vetta è segnata dalla statua della Madonna, la croce è qualche metro più in basso) si gode di un ottimo panorama sui Corni di Canzo e il rifugio SEV a sud, e sulle Grigne ed il Resegone a nord-est.

Corni di Canzo e SEV

Per la discesa si può seguire lo stesso sentiero dell’andata, oppure se avete più tempo potete chiudere il giro ad anello raggiungendo il rifugio SEV e quindi scendendo nuovamente a Valmadrera per il sentiero 7.

Dati dell’escursione:

Tempo totale (salita+discesa): 3:30

Dislivello in salita: 986m

Dislivello in discesa: 986m

Altitudine massima: 1276m (vetta Moregallo)

Altitudine minima: 290m (Frazione Belvedere a Valmadrera)

Tempo di salita: 1.51h

Tempo di discesa: 1.35h

Altre foto nel mio set su flickr.

Sul filo del rasoio

Bocchetta di Pesciola da Moggio – 9/03/2014

Ultima camminata invernale dell’anno (soprattutto visto che al ritorno avevo caldo anche in maglietta…): si sale alla Bocchetta di Pesciola [1784m + qualche metro di neve!] (Piani di Bobbio) dal centro di Moggio [890m].

Partenza alle 6.00 da casa, arrivo in Piazza Fontana (la piazza del municipio di Moggio) alle 7.00 e inizio della camminata alle 7.05. La temperatura è perfetta, parto con un abbigliamento invernale (maglia tecnica, pile e softshell) pronto ad essere trasformato in estivo, fa abbastanza caldo da non richiedere guanti, cappello e nemmeno scaldacollo.

Il sentiero parte al termine di via Corniseglio e per tutto il primo tratto si svolge all’ombra di un bosco di caducifoglie piuttosto fitto, salvo brevi radure con vista sulle Grigne, sul Resegone e sul Due Mani.

Grigne

Dopo poco ci si ritrova ai piedi di un prato piuttosto ripido dominato da un’abitazione ed una stalla. in questo punto consiglio di abbandonare il sentiero e di tagliare dritti per il prato, fino a raggiungere la stalla. Dalla stalla si sale ancora per pochi metri fino ad arrivare alla cima del prato che fa da spartiacque, quindi ci si inserisce nel bosco sulla destra (cercate i bolli gialli sui tronchi).

Dopo pochi minuti, il sentiero si sposta sul lato est della collina e si inizia a vedere la valle dei faggi sottostante, inoltre inizia ad essere presente in maniera consistente la neve (molto dura e ghiacciata).

Il bosco è intervallato da alcuni tratti rocciosi più aperti, dai quali si iniziano a scorgere le guglie dello Zuccone Campelli.

Zuccone Campelli

Ancora pochi passi e il bosco lascia spazio ad ampie radure via via più ripide ricoperte da un ampio strato nevoso molto duro, ormai si vede chiaramente la Bocchetta di Pesciola.

Dopo alcuni zig-zag si arriva finalmente a destinazione.

Rifugio Lecco dalla Bocchetta di Pesciola

Il tempo di fare un po’ di foto e di tirare un po’ il fiato e il sole inizia a picchiare prepotentemente, tanto da passare ad un abbigliamento desicamente estivo.

Il ritorno segue lo stesso sentiero dell’andata, ma stavolta la neve ghiacciata del primo mattino è stata sostituita da un manto molto meno resistente e molto più bagnato, che cede quasi subito ad ogni passo… servirebbero tanto un paio di ciaspole (o almeno di ghette per evitare di bagnarmi troppo i pantaloni).

Si torna a casa…

Al ritorno c’è anche il tempo di qualche foto ai fiori presenti a bassa quota.

Primule

Dati dell’escursione:

Quota di partenza: 890m

Quota massima: 1828m

Dislivello: 965m di salita e 962 di discesa (totali)

Tempo di salita: 1:58h

Tempo di discesa: 1:40h (dovuta principalmente alla presenza di neve molto cedevole)

Tempo totale dell’escursione: 4:10h (pause comprese)

Trovate altre foto nel mio set su flickr

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.